Terza Pagina
Dalla redazione
mercoledì 27 maggio 2020

Calice&Penna

Tonalità di giallo

Elena Gambarotto


Calice & Penna è la nuova rubrica di AIS Veneto dove pubblichiamo i contributi dei nostri soci. Se ti piace scrivere e vuoi cimentarti con un racconto su un vino che ti ha colpito, su un viaggio o su una tua personale wine experience, contattaci su [email protected] e riceverai indicazioni sul format richiesto. La redazione provvederà alla selezione per la pubblicazione. 

 

Genesi. Fior d'Arancio in fieri.

Se sei nato tra le pendici dei Colli Euganei e quelle dei Colli Berici, e se lo sei negli anni '80, nel ricovero attrezzi, nel garage, o in cantina non puoi non averne avuto uno.

Ci passo vicino ogni giorno, lo guardo dal basso verso l'alto. Nel tempo la sua forma diventa famigliare: non so esattamente a cosa serva; c'è del legno, del ferro, è rotondeggiante, c'è del rosso e dell'arancio, e già per questo mi piace. Gli giro attorno, mettendo a volte qualcosa dentro a quello che mi sembra essere un fiume a scorrergli tutto intorno. È davvero grande. Del resto, a metà anni '80, ho soltanto cinque anni.

 

L'onnipresente. Un giallo risolto.

Ce n'è anche un'altra di presenza costante, che non diserta mai alcun momento speciale. Non ci sono Natale e Pasqua senza. Non c'è compleanno in famiglia, non c'è domenica: il suo è un protagonismo sempre equilibrato, fiero ma discreto, direi goloso (e nel mio caso ancora tutto da comprendere, ho pur sempre cinque anni!).

Trent'anni dopo, cambiando provincia e peregrinando per altri terroir, scopro che quel colore non è più un giallo qualsiasi, è unico e irripetibile. È il giallo che può nascere dalla sola provincia di Padova, democratico e trasversale nelle sue versioni, capace di conquistare per la piacevolezza intrinseca mai stucchevole. È spesso legato a piccole realtà famigliari: famiglia è l'origine, ma anche la destinazione finale.

Trent'anni dopo, torno nel giardino dei miei, e quel moscato giallo Fior D'Arancio lo ritrovo uguale, nelle zagare del bergamotto e dei limoni tra aprile e maggio, o sulla nostra tavola al prossimo compleanno.

 

Sommelier è…

Tante domande che cercavano risposte. Non una meta, ma l'opportunità di vedere e leggere le cose in un nuovo modo. È imparare ad apprezzare quella tonalità di giallo e aver voglia di raccontarla a tutti.

È la fortuna, forse, che nessuno da piccola ti abbia davvero spiegato a cosa servisse quel torchio manuale colorato, e di aver conservato la voglia di scoprirlo da sola.

articoli correlati
Alessandro Torcoli racconta il "suo" Vino Vip
lunedì 4 luglio
Il direttore di Civiltà del bere ci spiega l'arte di divulgare la cultura del vino e la magia di
Il vino tra gioia, gaudio ed emozione
lunedì 6 giugno
Intervista a Mario Conte, sindaco di Treviso, che racconta se stesso ed il suo territorio in
Baccanali, ombre e malvasie
venerdì 29 aprile
A Treviso AIS Veneto dedica un convegno alla rappresentazione del vino ai tempi della Serenissima
Quello strano modo di vivere la Pasqua
sabato 19 marzo
Dal "carne levare" al calice dell'eucarestia attraverso il "risus pascalis