Wine Experience
Dalla redazione
sabato 25 marzo 2023

Calabria

Terra estrema di diversità e contrasti, un mosaico di vitigni e vini


Enrico Trentin

 

La Calabria è una regione nota per le splendide coste che superano i 700 km. Diversamente da quello che si pensa però il suo territorio è principalmente montano, infatti il 22% della superficie regionale è al di sopra di mille metri di altitudine. Fra le principali zone montane vi sono il Pollino a nord, la Sila nel centro e l’Aspromonte a sud. Il contrasto fra mare e montagna di questa regione influenza fortemente la sua cultura, la storia artistica e le tradizioni enogastronomiche. 

La produzione vitivinicola calabrese risale al periodo della colonizzazione degli antichi greci e oggi copre il 7% del vino italiano, principalmente con uvaggi a bacca nera come il gaglioppo e il magliocco. Numerosi gli uvaggi autoctoni, spesso difficili da riconoscere per l’altissima presenza di omonimi e sinonimi nelle diverse zone produttive.

La relatrice Maria Rosaria Romano ci ha guidati in un emozionante viaggio attraverso la regione, partendo dalla zona vinicola più vocata, la Doc Cirò che si trova nel centro della regione, sulla costa ionica dove il Gaglioppo è il re indiscusso: uvaggio autoctono che ama il caldo di Cirò Marina, con una maturazione lenta, scarsa capacità di sintesi degli antociani e tannini che vanno lavorati con brevi macerazioni.

 

Cirò Rosato Doc Mabilia 2021 - Ippolito 1845 
Colore lucente che ricorda l’oro rosa. Profumo aggraziato con note floreali e di agrumi dolci. Al palato si intensifica con un'ottima freschezza e sapidità, molto secco, buona persistenza, elegante ed estremamente piacevole. 100% gaglioppo

 

Calabria Rosso Igt Megonio 2020 - Cantina Librandi 
Si presenta di un rosso granato, compatto e vivace. Il profumo è molto sottile e regala sentori di rosa rossa, prugna, cioccolato e caramello. Al palato è secco, teso, vibrante, dona aromi di amarena croccanti, chiodi di garofano e alloro fresco. 100% magliocco

 

Cirò Rosso Classico Superiore Doc Vintage Edition 2019 - Cantina Caparra e Siciliani 
Rosso granato, note di marasca, sottobosco, cuoio, humus, legno di sandalo e liquirizia. Al palato spicca la balsamicità, note di arancia rossa e melograno, tannino fitto e leggermente ematico. 100% gaglioppo

 

Proseguiamo il viaggio andando nella parte sud, versante ionico, dove troviamo la Doc Bivongi e Greco di Bianco, assieme alle indicazioni geografiche tipiche Locride e Palizzi. Greco di Bianco è un importante denominazione per il suo rinomato vino dolce passito, creato dall’omonimo vitigno bianco che ha buccia spessa e poca polpa. Nella zona dell'Igt Locride troviamo il raro vitigno bianco mantonico riconosciuto come uno dei migliori bianchi della Calabria.

Sul versante adriatico attorno alla città di Reggio Calabria incontriamo le Igt Scilla e Costa Viola dove lo zibibbo viene vinificato secco a differenza di quanto avviene in Sicilia.

 

Calabria Bianco Igt Mantonico Zaleuco 2019 - Le Moire
Colore oro carico, profumo estremamente intenso per la macerazione sulle bucce, note di mimosa, frutta secca, cardamomo, tabacco biondo. Sapido, intenso, pungente, strutturato, balsamico.

 

Calabria Bianco Igt Mantonico 2020 - Statti
Giallo paglierino intenso e brillante, naso citrico e molto fine che termina con ricordi di citronella. Al palato regala intensità che riempie la bocca, la freschezza è tenue e la sapidità la fa da padrone.

 

Palizzi Rosso Igt Carcare 2020 - Brancati Filippo
Rosso porpora brillante, tocchi di ribes e mirtillo, ottima speziatura di ginepro e incenso, note balsamiche date dal sentore di rosmarino e alloro. Fresco con tannini setosi e ottima finezza ed eleganza. 100% nerello

 

Terminiamo il viaggio a nord, nella denominazione Cosenza Doc, la più estesa con 50mila ettari di terreno, il complesso disciplinare di 41 pagine menziona sette sottozone, fra queste la più rinomata è Colline del Crati. I vini sono principalmente rossi a base magliocco dolce e magliocco rotondo, famoso in questa terra il Moscato di Saraceno, antico vino dolce creato principalmente con uva appassita su graticci e una parte di mosto bollito.

 

Terre di Cosenza Rosato Dop Colline del Crati Don Filì 2022 - Serracavallo
Uno splendido rosa cerasuolo luminoso e intenso. Note di rosa, lamponi e fragoline di bosco al naso. Sorso intenso e sapido, con un buon equilibrio tra freschezza e morbidezza. 100% magliocco

 

Calabria Rosso Igt Luigi Quattordici 2019 - Chimento
Rosso porpora tendente al rubino, impenetrabile, bouquet olfattivo ampio ed intenso ove si riconoscono viola, prugna, mirtilli, fichi infine una nota affumicata. Al palato è sapido, ottima intensità e breve persistenza, fine, complessa mineralità, con ottime note speziate e morbide regalate dall'affinamento in legno. 100% magliocco

 

Calabria Passito Igt Moscato Passito di Saracena 2017 - Diana
Colore ambrato, non limpido. Naso molto intenso e variegato, riconoscibili la noce, dattero candito, miele di castagno, polvere di caffè, legno di sandalo. Molto fine e bilanciato al palato, grande freschezza e dolcezza, si aggiungono sentori di uva passa e cannella, persistenza molto lunga. Un vino che fa sognare ed innamorare, che ricorda il caldo estivo e la bellezza della Calabria.

articoli correlati
Il Piemonte incontra le cantine padovane
giovedì 29 febbraio
Alla scoperta del Bagnoli Friularo e del Fior d'Arancio
Amarone Opera Prima 2024, la degustazione
venerdì 23 febbraio
Provenza oltre il rosè
giovedì 22 febbraio
Esperienze di Vitae 2024
venerdì 16 febbraio
La premiazione delle eccellenze vinicole venete