Eventi
Dalla redazione
sabato 6 aprile 2019

Il Riesling d'Alsace attraverso il tempo

Idrocarburi si, idrocarburi no?

Giulia Turchetti

Con la degustazione di Aprile, ospitata dall'Hotel Petrarca di Boara Pisani, abbiamo "dato i numeri"!

Marco Comunian ha intrattenuto la folta platea accompagnandola attraverso 16 mila ettari di terreno, 51 grand crù, 170 chilometri di vigneto, 119 Comuni, 115 chilometri di grand route d’Alsace e ben 13 composizioni di terreno.

La verticale di vini degustati “alla francese” proviene dal paese di Hunawihr, vicino Colmar: paesino con più viti che mattoni!

Affiancato dai degustatori Gianvittorio Fenzi ed Emanuela Pregnolato e dal delegato provinciale Michele Ridini, Marco Comunian ha iniziato la degustazione dalla bottiglia più datata, risalente al 1989. Vino dal luminoso colore dorato con riflessi ancora verdolini, dall’intenso profumo vegetale, balsamico, accompagnato da sensazioni di cannella e vermouth e dal sorso che invita al riassaggio.

L’annata 1998, si è presentata con un vivace dorato intenso, dai sentori tropicali di mango, maracuja, dalla nota mielosa e con un ricordo di affumicatura. Un vino al palato fresco e burroso, con un piacevole bilanciamento tra alcolicità e freschezza.

Siamo passati poi all’assaggio dell’annata 2010, dal colore molto più chiaro rispetto ai precedenti, che faceva presagire una estrema freschezza sia al naso che al sorso. 

L’annata  2011, seppur vicina alla precedente era totalmente diversa. Con sentori di cedro candito, nota fumè di incenso che richiama le sensazioni di idrocarburi, seguite poi da note di albicocca. Il sorso porta una freschezza importante che bilancia il corpo opulento.

Infine il vino più giovane, annata 2013, dal colore paglierino, lucente, con sentori di spiccata mineralità che si ritrova anche al sorso in un tiro alla fune in cui vince la sapidità.

La serata si è conclusa con una sorpresa di Marco Comunian che ha omaggiato la sala di un sesto vino: l’annata 2009 di Riesling Sipp Mack, dalle molteplici sensazioni fruttate e il ricordo di idrocarburi, con un sorso perfettamente equilibrato.

A nome di tutta la delegazione rodigina un grazie a Marco, al gruppo servizi e a tutti i presenti alla serata!

Eventi da non perdere
IL RIESLING D'ALSACE ATTRAVERSO IL TEMPO
IL RIESLING D'ALSACE ATTRAVERSO IL TEMPO
Una verticale del Grand Cru alsaziano Rosacker dal 2013 al 1989 
sfoglia la gallery dell'evento





articoli correlati
A contatto con il produttore: LE BATTISTELLE
mercoledì 11 dicembre
Una realtà di viticoltura eroica in terra di Soave
Visita presso le Antiche Cantine Giol
venerdì 6 dicembre
Seminario: Chianti Classico e Chianti Rùfina
mercoledì 4 dicembre
Due denominazioni toscane per un vitigno camaleontico: il sangiovese
Krug, l’assoluto
lunedì 2 dicembre