Le aziende informano
Dalla redazione
mercoledì 26 ottobre 2022

Visita alla cantina Vignalta

Il Monte Gemola racconta i suoi vini


Anna Bettella

 

In un mondo che ci spinge sempre più ad omologarci, è bello incontrare ancora cantine fedeli alla loro identità. Nel 1980 Lucio Gomiero fonda la sua cantina Vignalta immersa nel verde dei Colli Euganei ad Arquà Petrarca. Il patron ha sempre avuto le idee chiare su quale fosse la strada da perseguire e parte fondamentale del suo progetto è il Monte Gemola, in cui si trovano circa 15 dei 35 ettari e da cui prendono forma le sue etichette simbolo. 

Il colle con i suoi 281 m di altitudine, la posizione sulla parte più meridionale della catena collinare ed il suolo vulcanico così particolare, si è guadagnato di diritto una parte da protagonista nello scenario viticolo euganeo. Nella sua parte più bassa si trovano suoli prevalentemente calcarei: il “vigneto della chiesa”, così chiamato perché situato proprio in prossimità della chiesa di Valle S. Giorgio, gode anche della presenza di trachite (roccia vulcanica) trasportata negli anni dagli agenti atmosferici. 

Pinot bianco e moscato giallo, vitigni simbolo dei Colli Euganei, prediligono terreni con rocce sedimentarie di origine calcarea, come la scaglia rossa, di cui i questi colli sono ricchi. Un tipo di terreno che garantisce ai vini profumi intensi, eleganti e un’ottima struttura.

Sulla fascia più alta troviamo i vigneti storici dell’azienda dove l’erosione della trachite ha dato origine a quella che sembra un’enorme distesa di sabbia. Terreno particolare non solo per l’aspetto, ma anche per le sue doti: queste rocce permeabili permettono alla vigna di trarne nutrimento anche in annate siccitose come quella appena passata. In questo terreno chardonnay, cabernet franc e merlot si esprimono ai massimi livelli.

Dopo la visita ai vigneti e alla cantina, si è svolta la nostra degustazione presso l’accogliente sala panoramica al piano superiore dell’azienda, accompagnati dal neo eletto Miglior Sommelier del Veneto Michele Manca.

 

Pinot Bianco 2021  

Giallo paglierino intenso e luminoso. Invidiabile l’eleganza olfattiva che spazia dai fiori di gelsomino alla  pesca bianca croccante con ritorni agrumati di cedro. Note di erbe aromatiche come la melissa. Il sorso è agile con un piacevole gioco tra acidità e sapidità.

Gemola 2020 100% chardonnay

Giallo dorato vivace. Archetti fitti e lacrime lente lo caratterizzano. Tavolozza olfattiva che spazia da note fruttate di pesca, ananas disidratato e una delicata nocciola. Garbate note fumè e boisè rendono il sorso pieno ed avvolgente, mai pesante grazie alla freschezza e alla scia sapida che lo accompagnano. Lodevole l’equilibrio nonché la persistenza gustativa. 

Sirio 2021  100% moscato giallo

Cristallino giallo paglierino. La grande espressività olfattiva contraddistingue da sempre questo vitigno, dove si riconoscono da subito profumo di zagara, note fruttate di buccia di mandarino e salvia. A seguire profumi marini. Snello, rinfrescante e piacevolmente amaricante sul finale.

Cabernet franc Riserva 2017

Rosso rubino vivace con riflessi granati. Profumi intensi e variegati, dalla mora di rovo croccante ai piccoli frutti di bosco, note floreali di ciclamino. Profondi ritorni di macchia mediterranea e di sottobosco, tostatura di tabacco e caffè. Potente e teso al palato, con un tannino di spessore, ma ancora in evoluzione. 

Gemola 2018  70% merlot 30% cabernet franc 

Rosso granato compatto e lento nel calice. Grande eleganza olfattiva: piccoli frutti scuri come il mirtillo, anche in confettura, speziatura di caffè e cannella, leggere note vegetali di peperone grigliato. In sottofondo macchia mediterranea. Il sorso è pieno e si fregia di un tannino vellutato.

Alpianae 2018 100% moscato giallo 

Ambra liquida luminosa. Albicocca disidratata, buccia di arancia candita, note di zafferano e leggero tocco piccante di zenzero. In finale, erbe aromatiche essiccate, come il rosmarino. Sorso avvolgente caratterizzato da una spalla acida importante che ne contrasta la dolcezza. Notevole la persistenza gustativa.

 

Il nostro accompagnatore della cantina Vignalta, sommelier Massimo Marinello, ci ha guidati nella visita alla cantina e alla conoscenza del territorio in cui è situata questa splendida realtà dei Colli Euganei.

articoli correlati
Pieropan
lunedì 14 novembre
La storia del Soave
Cantina Del Rèbene
giovedì 10 novembre
Racconto di una mattinata di mezzo autunno con il produttore
Rosso Bordò
lunedì 24 ottobre
Viaggio all’origine dei bordolesi veneti
Monte Zovo
lunedì 17 ottobre
Quando i ghiacciai si incontrano