Le aziende informano
Dalla redazione
sabato 24 dicembre 2022

A contatto con il produttore Cà Maiol

Redazione


Enrico Trentin

 

Qualche settimana fa parte della delegazione di Verona è stata accolta nell’azienda Cà Maiol a Desenzano del Garda (BS) dove l’ospitalità all’arrivo è risultata particolarmente calorosa grazie alla nostra socia Caterina Mataluna, Responsabile Hospitality dell’azienda.

Cà Maiol nasce nel 1967 insieme alla denominazione Lugana con tanto di disciplinare di produzione. Successivamente nel 1990 verrà istituito il Consorzio Tutela Lugana Doc.

La zona di produzione del Lugana, a sud del Lago di Garda, è stata scavata e plasmata 3 milioni di anni fa da un enorme ghiacciaio che spingeva a valle rocce e detriti; nel territorio più vicino alla costa il terreno è costituito da sedimenti lacustri come limo e argilla con una bassa presenza di scheletro. Il clima è mite tutto l’anno con molta umidità e poche escursioni termiche. I due venti principali del Lago di Garda, il pelèr che va da nord a sud la mattina e l'ora da sud verso nord nel pomeriggio, fino al tramonto, raccolgono tutta l’umidità della zona.

In questo microclima unico ha trovato casa la turbiana, una varietà di trebbiano che si è adattata a questo terroir. E’ un vitigno produttivo e longevo con grappoli grandi  e acini spargoli, resistente agli stress come la poca acqua e le temperature elevate. Il disciplinare prevede che il Lugana sia composto da almeno il 90% di uve trebbiano di Lugana; Cà Maiol preferisce produrre in purezza per valorizzare il vitigno più rappresentativo.

In totale gli ettari vitati lavorati sono 110, tutti di proprietà: 90 dislocati per le zone del Lugana e 20 in Valtenesi, zona vocata alla produzione di Chiaretto.

Nel 2017 il gruppo Santa Margherita della famiglia Marzotto acquista Cà Maiol che assieme ad altre 10 cantine Italiane è uno dei gruppi vitivinicoli più importanti d’Italia.

Nella recente cantina, ultimata nel 2021, l’uva viene lavorata rapidamente dopo la vendemmia con massima cura per salvaguardare la qualità del frutto, movimentata unicamente per gravità infatti l’impianto si estende dal piano terra fino alla cantina di affinamento al secondo piano interrato. Il moderno sistema è composto da due linee di arrivo dell’uva, due diraspatrici, selezionatrici e presse a membrana di ultima generazione.

Negli ultimi anni sono stati condotti approfonditi studi agronomici per diminuire i trattamenti e mantenere una produzione di alta qualità. In vigna viene applicata la difesa dagli insetti dannosi tramite ormoni, vengono utilizzati quasi solo zolfo e rame, si ricorre al sovescio con graminacee e leguminose, viene utilizzata la potatura conservativa per rispettare le viti.

Al termine della visita, Caterina ci ha accolti in sala degustazione per un focus sul Lugana.

 

Lugana Dop Spumante metodo classico brut 2017, 48 mesi sui lieviti

Giallo paglierino tenue con riflessi brillanti, ottimi sentori marcati di crosta di pane, arricchiti da tocchi agrumati, fiori gialli e leggere sfumature di erbe aromatiche. Un sorso più sapido che fresco, di buona struttura e persistenza, con ritorni di frutta e agrumi.  Perlage cremoso ed elegante. Finale lievemente amandorlato che chiude con le note sapide e minerali.

Lugana Dop Prestige 2021

Alla vista si presenta di un lucente  giallo paglierino, il naso ammaliante è carico di sentori legati alla frutta matura come pesca, susina, ananas e mango, seguite da leggereerbe aromatiche, come timo e salvia. Al palato è molto sapido e fresco, naso e bocca non corrispondono perché prevale il varietale con ritorni agrumati  di limone e  pompelmo giallo; la morbidezza e il calore bilanciano le note citrine.

Lugana Dop Molin 2021 

Questo vino viene prodotto dal cru Molin,l’antico vigneto attorno alla cantina. Un calice giallo paglierino intenso e vivace, i sentori raffinati rimandano a erbe aromatiche, note minerali e frutta, con un ricordo di kiwi.. Morbido e ampio al palato, fresco e abbastanza sapido. La corrispondenza naso-bocca è lineare tra la mineralità e l’acidità del kiwi. Un finale molto pulito e persistente.

Lugana Riserva Dop riserva L.A.B. 2019 (Long Aging Bottling)

Cambio decisivo alla vista, con un intenso giallo dorato brillante. L.A.B. viene prodotto parte in acciaio e parte in barrique per la fermentazione, seguito da  un affinamento di 24 mesi, di cui almeno sei in bottiglia. Interessante l’impatto olfattivo, con netti profumi di pesche sciroppate, cedro candito, cocco, ananas, mela cotogna e una leggera nota di vaniglia. Vino corposo e sapido con ottima intensità e persistenza, da abbinamento.

 

Per chiudere in bellezza ci è stato servito un buffet di salumi e formaggi di qualità degna di nota, accompagnato da un Riviera del Garda Classico Valtenesi Chiaretto Dop Toseri 2021con profumi di boccioli di rosa, e frutti di bosco, morbido e denso al sorso.

 

Un ringraziamento speciale a Cà Maiol per questo sabato targato turbiana.

articoli correlati
Benazzoli
lunedì 23 gennaio
Un’anima rosa chiaretto
Graziano Prà
venerdì 30 dicembre
Il coraggio di cambiare
Pieropan
lunedì 14 novembre
La storia del Soave
Cantina Del Rèbene
giovedì 10 novembre
Racconto di una mattinata di mezzo autunno con il produttore