Wine Experience
Dalla redazione
giovedì 15 febbraio 2024

Il sangiovese di Romagna

Aldo Naddeo


Uomo di grande conoscenza Vitaliano Marchi, homo universalis. Probabilmente i latini definirebbero così il nostro oratore dell'incredibile serata sui Romagna Sangiovese. Autore, relatore, divulgatore, Vitaliano Marchi è stato in grado di portarci col calice in mano nelle principali sottozone, diventate definitive nel 2022. Nello specifico sono state scelte le cinque più storiche tra le sedici totali, con l’interpretazione di due produttori per ogni zona.

Siamo partiti da Castrocaro, con il suo rappresentativo spungone romagnolo (affioramento roccioso calcareo dall’aspetto ‘spugnoso’), per poi passare a Marzeno, territorio molto ristretto, fertile, di forte matrice argillosa. Da qui siamo passati a Bertinoro che con la brezza mitigatrice proveniente dal mare e ricca anche lei di spungone è in grado di regalare corpo e longevità ai suoi vini. Le ultime due sottozone sono state Modigliana, storicamente Toscana poi passata in terra romagnola, che con la sua altitudine garantisce freschezza e piacevolezza alle produzioni e Predappio, molto interessante e di altissima qualità per la sua conformazione ricca di zolfo, gesso e calcare in grado di dare ‘golosità’ e carattere ai suoi vini. 

Approfondiamo più da vicino le degustazioni della serata:
 
Rio Pietra Romagna Sangiovese Doc 2019 – Castrocaro – Marta Valpiani
Bellissimo rosso carminio scarico luminoso e perfettamente riflettente alla luce. Sentori floreali precisi di violetta selvatica e note fruttate richiamanti i tipici sentori di ciliegia del sangiovese. Sbuffi balsamici contornano il bouquet olfattivo. Palato fresco e grande sapidità con tannino ben integrato, complessivamente molto piacevole.


La Collinaccia Romagna Sangiovese Doc riserva 2017 – Castrocaro – Fiorentini
Colore molto concentrato, carminio intenso con riflessi granati; di buona consistenza. Il naso spazia da un’intrigante nota fruttata matura di amarena in confettura ad una florealità appassita. Il sorso è deciso, ampio e ricco di materia. La nota acida non manca ed è molto coinvolgente. Impossibile non immaginarlo con una gastronomia di carne pregiata sul piatto.


Vigna Ca’ del rosso Romagna sangiovese Doc riserva 2019 – Marzeno – Ca’ di Sopra
Rosso carminio scarico luminoso e vivace, al calice risulta consistente. In prima olfazione frutta rossa intensa e matura che sfocia in accenni balsamici di grande eleganza. Successivamente, note speziate di liquirizia e bacca di vaniglia. In bocca è molto succoso con grande struttura e tannino scalpitante, anche se inizia a presentare una certa setosità. Ottima la sua freschezza a sacrificio della sapidità che comunque non manca; di grande equilibrio. Ottimo assaggio.


Pietramora Romagna sangiovese Doc riserva 2017 – Marzeno – Fattoria Zerbina
Rosso carminio di media intensità e di discreta luminosità, buona la compattezza. Naso molto elegante di frutta rossa intensa, speziatura di cannella, foglia di tabacco. Palato con tannino irruento, acidità molto presente, di grande persistenza. Sicuramente ancora un po’ scomposto ma indubbiamente di grandissima longevità.


Ombroso Romagna sangiovese Doc riserva 2020 – Marzeno – Giovanna Madonia
Rosso rubino con accenni carminio poco intensi di media estrazione antocianica. Profumi tipici del sangiovese, violetta e ciliegia fragrante, refoli di sottobosco e chiodi di garofano. In bocca il tannino è deciso ma ben integrato, presente una buona freschezza e sapidità con continui richiami alle note fruttate.


P. Honorii Romagna sangiovese Doc riserva 2019 – Bertinoro – Tenuta la Viola
Rosso granato con qualche accenno carmino vivace di media compattezza. Ciliegie e sottobosco per il profilo olfattivo non mancano, il tutto arricchito da una speziatura piccante ed erbe aromatiche come salvia e mirto. Il sorso è vivo, succoso ed elegante. Buona l’acidità complessiva ed ottima la scorrevolezza al palato.


Ibbola Romagna sangiovese Doc 2020 – Modigliana – Mutiliana
Appare di un rosso rubino intenso con buona materia colorante, consistente. Naso affascinante, rosa canina appassita, profumi freschi di macchia mediterranea, ribes e scorzetta di arancia. Palato molto fresco ed elegante, appare talmente avvolgente che quasi dà una sensazione di masticabilità.


Ronco dei Ciliegi Romagna sangiovese Doc 2020 – Modigliana – Ronchi di Castelluccio
Rosso rubino con sfumature che tendono al carminio di media fittezza. Profilo olfattivo di grande eleganza e piacevolezza, ciliegia sotto spirito, pungente con ricordi di marmellata di frutti rossi e refoli balsamici. In bocca è gustoso, sapido, di media struttura e freschezza invidiabile, incentiva al sorso continuo.


Vigna del Generale Romagna sangiovese Doc 2020 riserva Predappio di Predappio – Fattoria Nicolucci
Rubino intenso poco penetrabile di buona compattezza e consistenza. Olfatto intenso, ricco di frutta rossa, ciliegia sotto spirito, la speziatura non manca, liquirizia e chiodi di garofano. Sorso pieno e freschissimo con tannino ben bilanciato, il richiamo dell’olfatto a frutta e spezie è continuo. Molto persistente, di longevità invidiabile. Oggettivamente un gran vino.


Le Lucciole Romagna sangiovese Doc 2020 riserva – Predappio – Chiara Condello
Rosso rubino piuttosto luminoso con una certa materia colorante ad arricchirlo. Naso con profumi floreali di viola, frutti rossi, cacao, rabarbaro e accenni agrumati. Refoli balsamici a contornare un profilo già molto ampio che richiama una pulizia perfetta in stile francese. Palato stupefacente, di grande eleganza e freschezza, molto saporito e lungo. Incentiva il sorso. Per chi ha pazienza, una bottiglia da dimenticare in cantina. Vino incredibile.

articoli correlati
Vinetia Top 10
domenica 14 aprile
i 10 migliori vini bordolesi rapporto qualità-prezzo
Il Merlot dei Colli Berici Doc.
sabato 13 aprile
L'EVOLUZIONE IN CINQUE DECENNI
Valdobbiadene eroico & Montello innovativo
lunedì 8 aprile
Visita alle cantine Andreola e Giusti Wine
La cantina De Bacco apre le porte ad AIS Belluno
sabato 30 marzo
La cantina feltrina è stata la prima nel bellunese a comparire sulla guida "Vitae" nel 2018