News
Dalla redazione
lunedì 30 giugno 2014

New deal a Belluno

AIS Belluno cambia volto e si tinge di rosa

Francesco Mancini

E’ Nicoletta Ranzato il nuovo delegato della provincia di Belluno. Infermiera presso l’ospedale di Belluno,  gestisce con il marito un maneggio a Modolo  ma è la passione  per l’enologia,  unita ad una grande determinazione che l’hanno portata ad essere il primo delegato donna bellunese. Marco Aldegheri, neo Presidente di AIS Veneto ha scelto la Ranzato nella sua squadra per rilanciare il Veneto come una delle regioni più attive nella promozione dell’eno-gastronomia. La Ranzato, già conosciuta e stimata caposervizi per la provincia, è pronta ad aprire il “new deal” bellunese: “l’incarico è sicuramente impegnativo ma sono fiduciosa perché a Belluno siamo un bel gruppo:  giovane, affiatato e che ha voglia di fare. Ho avuto la fortuna di conoscere i miei colleghi quando ho fatto il caposervizi, ruolo che mi ha aiutato a conoscere i miei colleghi e a confrontarmi con loro. Probabilmente all’inizio pagheremo un po’ l’inesperienza, ma i nostri obiettivi sono chiari: avvicinare e appassionare sempre più gente alla cultura del vino, avviando nuove iniziative e corsi di formazione in tutta la provincia e cercando di collaborare anche con i ristoratori e le aziende vinicole della zona per creare una sinergia capace di far crescere l’interesse anche nella nostra provincia troppo spesso considerata la Cenerentola della Regione”. Vorrei infine esprimere a Roberto Ferro la più viva gratitudine per la passione e l’impegno messo al servizio della delegazione nei dodici anni di mandato".  

sfoglia la gallery dell'evento





articoli correlati
"All'Ombra del Borgo"
sabato 3 agosto
Un successo la prima edizione organizzata dalla Pro Loco Zumellese e da Vino way
Un Vino Vip formato... Hollywood!
venerdì 26 luglio
La dodicesima edizione ha visto protagonista oltre al vino anche il cinema
LUGANA
martedì 23 luglio
Vitigno, terreno, tipologie e territorio: un'armonia senza tempo
IL VINO DI EFESTO
venerdì 19 luglio
Etna: dove la vigna abita la pelle del vulcano