News
Dalla redazione
venerdì 4 ottobre 2019

Pinot grigio delle Venezie

Il primo convegno nazionale

Redazione

Il 14 ottobre, nella città della Serenissima, si alza il sipario sulla nuova denominazione. Al centro del dibattito e delle degustazioni il bianco italiano più venduto al mondo proveniente da Trentino, Veneto e Friuli.

Dove avrebbe potuto tenersi il primo convegno nazionale del Consorzio Vini Doc delle Venezie se non proprio a Venezia, città simbolo di questa nuova denominazione, evocata fin dal nome? L’evento, organizzato dalla rivista "Civiltà del bere" e riservato a stampa e operatori, è in programma lunedì 14 ottobre nel cuore della Serenissima in due prestigiosi hotel del sestiere Cannaregio, a poche centinaia di metri dal caratteristico ponte della Costituzione, progettato dall’archistar spagnola Santiago Calatrava. 

Dalle 9 alle 13 la sala Mozart dell’Hotel Amadeus ospita la conferenza “I valori del Pinot grigio delle Venezie Doc”, introdotta da Albino Armani, presidente del Consorzio, e coordinata da Alessandro Torcoli, direttore di "Civiltà del bere". Durante l’incontro, riservato alla stampa e alle autorità di settore, interverranno esperti in materia di Pinot grigio, sia italiani sia esteri, tra cui le Master of Wine Christy Canterbury ed Emma Dawson, chiamati a fare il punto sul presente e sulle prospettive future di questo bianco di successo. Il vitigno resta al centro anche del successivo walk-around tasting, in programma dalle 12.30 alle 16 al vicino Hotel Principe e aperto a ristoratori, sommelier e operatori di settore, che ospiterà più di ottanta etichette di Pinot grigio delle Venezie.

La sfida del Consorzio, partita nel 2016 con il riconoscimento della Doc, è riposizionare il Pinot grigio italiano sul mercato internazionale attraverso lo sviluppo di una denominazione dal profilo unitario e dall’identità territoriale distinta. Oggi la produzione made in Italy occupa il 45% di quella mondiale ed è in crescita. Ma più che di primato nazionale, bisogna parlare di “fenomeno Nordest”: l’85% dei vigneti si concentra nel Triveneto, l’area geografica che unisce climaticamente e culturalmente Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia. In tutto 25 mila ettari produttivi, oggi finalmente riuniti sotto il cappello “delle Venezie”. 

L’ingresso alla degustazione è gratuita previa prenotazione tramite l'indirizzo mail [email protected]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al 
Consorzio Vini delle Venezie DOC
Tel. 045 49 43 850

sfoglia la gallery dell'evento





articoli correlati
Intervista al Prof. Marchioro
sabato 9 novembre
L’enoturismo raccontato all'Università
PerGola - Laboratorio del gusto 2
sabato 9 novembre
La rivoluzione veneta nella lavorazione della carne
Alba Vitæ 2019
martedì 5 novembre
Nel Malanotte 2010 la solidarietà di AIS Veneto
California Wines... alla conquista del Far West
martedì 29 ottobre