Wine Experience
Dalla redazione
lunedì 18 dicembre 2023

LA FAMIGLIA DEI PINOT IN ALTO ADIGE

un ventaglio di sfumature

Claudio Serraiotto


Il territorio vitivinicolo dell'Alto Adige è caratterizzato da forti contrasti e dalle vette alpine. Uno scrigno di sole, con 300 giornate medie di cielo terso all'anno, le Alpi a fermare le perturbazioni nordiche, ma non i venti, che scontrandosi con i più caldi dell'Adriatico e con l'Ora del Garda garantiscono escusioni termiche e sanità dell'uva. Più di venti vitigni diversi (64% da varietà bianche, 36% rosse) vengono coltivati dal mite fondovalle ai 1000 metri di altitudine ai piedi delle Dolomiti, varietà che 5000 viticoltori in 5700 ettari e oltre 270 cantine provvedono ad imbottigliare. Tra tutti questi vitigni hanno importanza quelli della famiglia dei Pinot: Pinot Bianco, Pinot Grigio, Pinot Nero e Chardonnay, sì avete letto bene!, Chardonnay, che rientra nella famiglia dei Pinot in quanto lontano e riconosciuto incrocio fra Pinot Nero e Guais Blanc.

Scopriamo alcuni vini prodotti con questi vitigni guidati da Andrè Senoner, Sommelier professionista AIS e comunicatore.

La serata viene promossa dal Consorzio Vini Alto Adige che ha messo a nostra disposizione otto etichette. 

La realtà Alto Atesina è una bellissima convivenza tra le cantine sociali e privati produttori, le cooperative con i piccoli conferitori sono un punto di riferimento. Come funziona la cantina sociale? Basti pensare che tanti anni fa non tutti avevano i soldi per comprarsi una botte, figuriamoci una pressa per vinificare, quindi hanno unito le forze, ognuno raccoglieva l'uva e la portava in un conferimento. Qual è la ragione del successo delle cooperative in Alto Adige? Il Vignaiolo non viene pagato in base ai quintali ma alla qualità del consegnato.

 

 

articoli correlati
Il Piemonte incontra le cantine padovane
giovedì 29 febbraio
Alla scoperta del Bagnoli Friularo e del Fior d'Arancio
Amarone Opera Prima 2024, la degustazione
venerdì 23 febbraio
Provenza oltre il rosè
giovedì 22 febbraio
Esperienze di Vitae 2024
venerdì 16 febbraio
La premiazione delle eccellenze vinicole venete