Assaggiato per voi
Dalla redazione
mercoledì 15 dicembre 2021

Monovarietali e arte

Cà Palazzina - ALBINO PIONA - Garganega Verona IGT

Maria Grazia Melegari


Albino Piona, scomparso di recente, è stato un protagonista di primo piano nel mondo del vino veronese, alla guida dell’azienda familiare e per più anni alla presidenza del Consorzio di Tutela del Custoza. I figli Monica, Alessandro e Massimo, un tempo al suo fianco, continuano nel solco da lui tracciato nel segno della tradizione: i Custoza e Bardolino continuano a brillare per finezza e tipicità. “Nel 2020 - racconta Monica - abbiamo voluto dedicare a nostro padre un nuovo progetto, con una linea di vini monovarietali legati alla storia del territorio e dell’azienda”. Nasce così la linea Cà Palazzina composta da garganega, corvina e merlot, tutti Verona Igt  prodotti dalle vigne più giovani dell’omonima tenuta aziendale. 

Siamo nell’immediato entroterra gardesano, in località San Rocco nel comune di Sona: 34 ettari e le viti, (24 ha)  poggiano su suoli morenici alluvionali, circondate da prati e macchie boschive. Quest’oasi agricola incontaminata fu acquistata da papà Albino nel 1980, non solo per la bellezza, ma anche per la storia. Questa “campagna” fu teatro delle Guerre d’Indipendenza e al termine del primo conflitto mondiale, l’allora proprietaria contessa Perez, aprì una casa di cura per i soldati feriti nella villa della tenuta.

I tre vini sono pensati per la tavola quotidiana, con buon rapporto qualità prezzo e una piacevole immediatezza della beva.  Semplici, dunque, ma assolutamente non banali, perché esprimono bene la struttura fresco-sapida tipica del terroir morenico gardesano. 1300 bottiglie per tipo acquistabili esclusivamente in azienda. 

La garganega in purezza è una novità, la corvina e il merlot, invece, sono l’una una versione più fresca rispetto allo storico Campo Massimo e l’ altro una riedizione di un’etichetta prodotta fino a qualche tempo fa e di cui i clienti affezionati chiedevano il ritorno sugli scaffali. Si presenta in una veste paglierino brillante, all’olfatto  offre note intense di zest d’agrume e pesca bianca e al palato ha un attacco morbido, per poi proseguire con uno slancio sapido e verticale. Vino gustoso ed  equilibrato, è ideale per un conviviale aperitivo, con primi piatti, torte salate e paste ripiene a base di  verdure. Le etichette testimoniano la passione artistica di Monica Piona che, pittrice lei stessa, ha scelto i colori della palette ispitrandosi alle tele della pittrice francese Claire Basler e alla “visione fantastica” della tenuta dipinta dall’artista veronese Francesca Tiso Mora. L'azienda ha recentemente conseguito, per Verona, il Best of Wine Tourism Award del circuto Grandi Capitali del Vino, nella sezione Arte e Cultura.

 

Prezzo: 4,40 euro – 750 ml

 

Albino Piona

Loc. Casa Palazzina di Prabiano,2

37069 Villafranca di Verona  (VR)

Tel. 045516055

[email protected]

www.albinopiona.it

 

Guarda i video del progetto Monovarietali ed Arte

https://www.youtube.com/channel/UCKt_1N82iHRPcFkx_60YKeQ

articoli correlati
Terroir di confine e sostenibilità
giovedì 20 gennaio
REPANDA 2020 - ROENO - VENETO BIANCO IGT DA UVE SOLARIS
Anima Franca
lunedì 22 novembre
Anima 2017 - Firmino Miotti - Met. Classico dosaggio zero Vespaiolo Breganze DOC
Cocktail e food pairing
venerdì 5 novembre
La Mixology protagonista a Vinitaly Special EditionLa Mixology protagonista a Vinitaly Special
Whisky (italiano) in quattro quadri
martedì 2 novembre
Puni Alba - Puni Distilleria - Whisky