Terza Pagina
Dalla redazione
lunedì 4 luglio 2022

Alessandro Torcoli racconta il "suo" Vino Vip

Il direttore di Civiltà del bere ci spiega l'arte di divulgare la cultura del vino e la magia di Vino Vip Cortina

Francesco Mancini


Il 10 e 11 luglio tornerà protagonista a Cortina d’Ampezzo VinoVip, la biennale del vino organizzata da Civiltà del bere, che unisce tra talk show e degustazioni 59 tra le aziende vinicole italiane più importanti. Per la prima volta in un anno pari per il rinvio dell’edizione 2021 a causa della pandemia Covid-19. Per questo ritorno tanto atteso dai protagonisti e dai wine lovers abbiamo sentito il direttore di Civiltà del bere Alessandro Torcoli, deus ex machina della manifestazione, giornalista, sommelier, accademico della vite e del vino, e ora al second stage dell’Institute of Masters of Wine.

Dopo tre anni torna finalmente VinoVip a Cortina: che edizione sarà dopo lo stop forzato e la pandemia?

Vino Vip rappresenta il fiore all’occhiello degli eventi organizzati da Civiltà del bere. Dopo due anni di stop non vedevamo l’ora di ripartire. Sarà un VinoVip di sostanza: come sempre avremo l’élite dell’enologia italiana rappresentata da 59 aziende leader nel settore e poi, considerata la pausa e la situazione sanitaria, abbiamo deciso di compiere un ritorno alle origini: perciò il focus sarà maggiormente sul talk show la domenica e il Wine tasting aperto a tutti il lunedì.

A causa del Covid la 13^ edizione cadrà per la prima volta in un anno pari: verrà mantenuta questa biennalità o sono previste due edizioni consecutive? 

È vero, per la prima volta l'evento cadrà in un anno pari. Manterremo questa nuova biennalità alternando l’edizione montana a Cortina con l’edizione al mare a Forte dei Marmi, inaugurata prima della pandemia nel 2018. La casualità di organizzare VinoVip Cortina negli anni pari avrà per noi anche il vantaggio simbolico di far coincidere la 15^ edizione con l’anno olimpico di Milano-Cortina 2026; il binomio ci lega da sempre alla conca ampezzana, essendo la sede della rivista a Milano e l’evento clou da noi organizzato a Cortina.

Vino Vip è diventato, edizione dopo edizione, un appuntamento irrinunciabile per gli addetti ai lavori e per tanti appassionati: qual è il segreto del suo successo?

Il segreto sta sicuramente nell'aver puntato da subito ad organizzare un evento di alto livello, con aziende selezionate e leader nel settore. Poi sicuramente, da parte nostra, abbiamo sempre profuso il massimo della professionalità e dell’accuratezza con cui ogni volta è pensato e organizzato. Infine a VinoVip i visitatori hanno la possibilità di comunicare direttamente con il produttore, che degusta insieme all’ospite i propri prodotti di punta e ne spiega ogni segreto e sfaccettatura; ciò non avviene facilmente in altre fiere enologiche più grandi. Ovviamente il tutto è contornato da una location tra le più belle ed esclusive al mondo come Cortina d’Ampezzo.

Quest'anno il tradizionale Wine-Tasting delle Aquile del rifugio Faloria sarà sostituito dal Grand Tasting al Golf Club. Scelta dovuta alla recente pandemia o era già prevista dall'organizzazione?

Il Wine Tasting finale, aperto a tutti, accoglie di solito tra le 400 e le 700 persone a seconda del meteo. Quest’anno avevamo bisogno di un posto raggiungibile via terra anziché con la funivia. L’emergenza pandemica è ancora recente e non del tutto superata, e il fatto di dover utilizzare la funivia come unico mezzo di andata e ritorno avrebbe potuto scoraggiare molti. Al Golf Club invece tutti i wine lovers potranno incontrare i produttori in una cornice comunque esclusiva, che offre una visione bellissima sulle Dolomiti ampezzane.

Pino Khail è il fondatore di Civiltà del bere nel '74, e promotore del Vino Vip nel '97. A lui dal 2011 è dedicato l'omonimo premio: qual è un ricordo o un aneddoto che le viene in mente su questa figura così carismatica?

Pino Khail per me è stata una figura doppiamente fondamentale: sia nella vita, essendo mio nonno, sia nel mestiere, avendo condiviso la stessa professione. Quello che ripeto ai nuovi collaboratori, che non hanno avuto la fortuna di incontrarlo, è una frase che mi ripeteva spesso: “Sono i dettagli che trasformano un successo in un trionfo”. L’impostazione di base e i fondamentali di Civiltà del bere, che mio nonno aveva ben saldi, sono rimasti intatti: la professionalità, la serietà e la cura dei dettagli; poi c’è la storia comune di giornalisti, che indirizzano la loro passione sul vino e la cultura da esso generata. Ovviamente, da quando sono direttore ho cercato di restare al passo con i tempi e la comunicazione, che negli ultimi anni è cambiata enormemente, aggiornando il sito, la grafica e anche la copertina della rivista.

Tante realtà vitivinicole, pensiamo per esempio alla Nuova Zelanda, al Sud Africa, all’Australia e al Cile e ad altre, stanno vivendo un grande sviluppo anche sui mercati internazionali. Possono contendere l’egemonia italo-francese a livello mondiale, o le realtà europee hanno un background troppo strutturato?

L’evoluzione che c’è stata negli ultimi anni a livello mondiale può essere vista anche in un'accezione positiva. I paesi emergenti hanno avuto uno sviluppo enologico veloce perché hanno un approccio più scientifico al vino. Gli enologi hanno profuso anni a studiare in Francia e in Italia le tecniche e, una volta rientrati nel loro paese, le hanno messe a frutto con una metodicità che ha consentito loro di compiere un enorme balzo in avanti. Francia e Italia d'altra parte, pur avendo un approccio più tradizionale, hanno approfittato per migliorare anche i loro prodotti, alzando ulteriormente l’asticella. Se questa globalizzazione portasse a snaturare i nostri prodotti, virando solo verso logiche di mercato e commerciali, sarebbe pericolosa, se invece servisse a migliorarli, come è capitato, allora ben venga, in quanto si innescherebbe un circolo virtuoso.

I prossimi obiettivi di Civiltà del bere? 

Tra i nostri propositi c'è sicuramente quello di riprendere con continuità l’alternanza VinoVip montagna-mare, quindi  Cortina d'Ampezzo e Forte dei Marmi. Poi abbiamo proposto il primo concorso enologico italiano sul modello di Decanter, WOW! The Italian Wine Competition per premiare ogni anno i vini più meritevoli. A breve lanceremo la Vinology Academy basata sulla trilogia di libri “Vinology” edita da Rizzoli e dedicata alla degustazione, ai vitigni italiani e ai vitigni internazionali. Insomma, le attività in questo 2022 sono riprese a pieno regime.

 

articoli correlati
Anselmet: le declinazioni di un amore
venerdì 29 luglio
La storica maison valdostana descritta con l'alfabeto delle emozioni
Il vino tra gioia, gaudio ed emozione
lunedì 6 giugno
Intervista a Mario Conte, sindaco di Treviso, che racconta se stesso ed il suo territorio in
Baccanali, ombre e malvasie
venerdì 29 aprile
A Treviso AIS Veneto dedica un convegno alla rappresentazione del vino ai tempi della Serenissima
Quello strano modo di vivere la Pasqua
sabato 19 marzo
Dal "carne levare" al calice dell'eucarestia attraverso il "risus pascalis