Wine Experience
Dalla redazione
venerdì 27 ottobre 2023

California on the road, la California del vino dal 1769 ai giorni nostri

LA VITICOLTURA CALIFORNIANA IN UN APPASSIONANTE VIAGGIO STORICO-GEOGRAFICO


Linda Sciff

 

Marco Tinello, sommelier, relatore e grande conoscitore di questo splendido territorio, si era riproposto di “portare la California in Italia, attraverso vini particolari non reperibili in Europa”. E ci riesce perfettamente, visto l’entusiasmo del pubblico in sala.

Zona dal clima favorevole, la California del vino viene divisa in due macroaree est ovest, North Coast, Southern California e Central Valley. L’influenza dell’oceano e i terreni di origine vulcanica e ricchi di calcare e granito regalano vini freschi, sapidi e di grande equilibrio. Cabernet sauvignon, pinot nero, zinfandel, chardonnay sono i vitigni più rappresentativi e diffusi anche se le varietà coltivate sono innumerevoli.

Un racconto attraverso tappe e personaggi lungo un arco di 250 anni, “apnea storica” importante per capire le origini della viticoltura californiana. I primi vigneti di Mission impiantati da Junipero Serra nel 1769, l’introduzione di vitigni europei da parte di Agoston Haraszthy nell’800, la ripresa della viticoltura dopo il Proibizionismo degli anni 20, fino alla crescita qualitativa del vino californiano negli anni 70 grazie a Robert Mondavi.

In degustazione undici vini, serviti seguendo un itinerario da sud verso nord, lungo le zone vitivinicole più significative della California.

Santa Rita Hills, Pinot Noir, 2020 - Sanford & Benedict

Da un’azienda storica del panorama californiano, un vino dal colore rubino vivace. Si apre al naso con l’impronta decisa del legno, seguita da un bel frutto scuro, ricordi di rosa essicata, ribes e accenti balsamici di sottobosco. Sorso succoso, dai tannini morbidi, chiusura piacevole che riporta al frutto

Paso Robles “Ueberroth Vineyards”, Zinfandel, 2019 - Turley Wine Cellar

Da un vigneto di fine ’800, questo campione appare granato profondo, con grande concentrazione. Notevole l’impatto olfattivo: spiccate note floreali, lampone e amarena a tratti sotto spirito, finale speziato, balsamico. Assaggio setoso e caldo, equilibrato da grande freschezza e persistenza importante.

Calera Mount Harlan, Pinot Noir, 2019 - Jensen Vineyard

Rosso rubino delicato, ci accoglie con profumi di prugna matura e frutti rossi, accompagnati da una nota leggermente affumicata, seguono fiori di lavanda e geranio e spezie dolci. Assaggio piacevolmente equilibrato, intenso al palato e fresco, denota spessore e snellezza insieme.

Santa Cruz Mountains, Cabernet Sauvignon, 2019 - Ridge Estate

Vivido rubino, naso intrigante e complesso. Belle note fruttate di prugna e marasca, seguite da sfumature di legno di cedro, tabacco, cioccolato e noce di cocco. Palato fresco, tannino gentile, piacevole sapidità e una lunga chiusura finale che regala soddisfazione.

Sonoma County Russian River Valley, Chardonnay, 2019 - Francis Ford Coppola

Giallo dorato intenso, corredo olfattivo giocato sui toni di mela golden, ananas, albicocca con accenni di speziatura dolce. La bocca ripropone il frutto, il sorso è morbido ma bilanciato da vivace freschezza con note finali di burro, vaniglia, mandorla.

California, Merlot Private Selection, 2018 - Robert Mondavi

Veste rosso rubino vivace. Olfatto intenso che esprime profumi di prugna, mora, lampone, seguiti da note di vaniglia con accenni di cocco e melassa. Sorso morbido con tannini levigati, di piacevole equilibrio.

 

Under the Wire, Sparkling Zinfandel, 2018 - Bedrock Vineyard

Da una vigna del 1854, si presenta luminoso, dal perlage fine e persistente. Profilo olfattivo intrigante, albicocca in composta e piccoli frutti rossi, a seguire vivi riconoscimenti agrumati, tostatura di mandorla e nocciola a chiudere. Assaggio espressivo giocato su freschezza e cremosità, grande struttura, finale saporito.

Sonoma Coast Russian River, Chardonnay, 2019 - Dumol

Luminoso giallo oro. Naso intenso che evoca ananas fresco, mela e cedro, in una cornice di salvia ed erbe aromatiche, accompagnate da note di gesso e pietra focaia. Sorso morbido e avvolgente, bilanciato da bella freschezza, gradevole timbro sapido e lunga scia finale giocata su note fruttate.

Napa Valley Cabernet Sauvignon, 2019 - Duckhorn

Carminio vivo di media compattezza, al naso propone una carrellata di frutta scura, prugna essicata, marasca, mirtillo che cedono il passo a sentori balsamici. Completano tocchi di pepe e cardamomo. Succoso e morbido in bocca, avvolge il palato e si chiude in un lungo finale.

Sierra Foothills Barbera d’Amador, 2021 - Andis Wines

Da vigne ultracentenarie impiantate a barbera, un campione giovane dal naso intenso. Mora, ribes, prugna, sentori vegetali quasi pungenti, speziatura di pepe bianco e vaniglia, note di cuoio e pelliccia. Succoso, di corpo all’assaggio, dal tannino ovattato e una bella acidità che parla di possibilità evolutiva.

California Shenandoah Valley Mission, 2018 - Story Winery

Vino molto raro, da un vigneto di Mission del 1874. Rubino chiaro di bella trasparenza, intensità delicata al naso, profumi di melagrana e arancia rossa, pepe. Al palato morbido e dalla persistenza gentile, ci regala un sorso di storia.

articoli correlati
Rhein Riesling
giovedì 23 maggio
I terroir tedeschi
I Terroir dello Chardonnay nella Champagne
giovedì 23 maggio
L’essenza del Blanc de Blancs
Erbaluce una pietra miliare
mercoledì 22 maggio
Taste Alto Piemonte Castello di Novara
Vin du Jura: la parte degli Angeli
venerdì 10 maggio