News
Dalla redazione
venerdì 5 aprile 2019

Miglior Sommelier Junior: sul podio anche il veneto Alberto Vardanega

Alla sede di ALMA il giovane di Castelfranco Veneto è arrivato secondo nella categoria over.

C'è anche un giovane veneto tra i premiati del concorso Miglior Sommelier Junior di AIS: è Alberto Vardanega, dell'istituto alberghiero "Maffioli" di Castelfranco Veneto, che si è aggiudicato la seconda posizione nella categoria "over".

La premiazione, che si è tenuta alla sede di ALMA, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana, è avvenuta giovedì 4 aprile a Colorno, in provincia di Parma, dopo che i 19 finalisti si sono sfidati in una gara fatta di abilità ed eleganza nel servire; miscelazione di cocktail; domande su distillati e vini speciali, viticoltura, enologia, enografia nazionale; competenza nella degustazione e ingegno nell’abbinamento cibo-vino.
I giovani sono stati valutati da una giuria di eccellenza: Antonello Maietta, Presidente Nazionale AIS, Cristiano Cini, Responsabile Concorsi dell’Associazione, e Andrea Sinigaglia, Direttore Generale di ALMA.

Francesco Scriva, per la categoria Over, e Vincenzo Colaprice, per la categoria Under, si sono aggiudicati il primo posto nella XXXI edizione del Concorso Nazionale “Miglior Sommelier Junior”, 

Per la categoria Under si sono classificati al secondo posto Ionela Lupu (Isis Giorgio Vasari di Figline Valdarno, FI) e al terzo posto Luca Dao (Istituto Virginio Donadio di Dronero, CN), mentre nella categoria Over al secondo posto c'è appunto il giovane veneto Vardanega, seguito da Maria Mandarelli (Ipssar Michelangelo Buonarroti di Fiuggi, FR).

sfoglia la gallery dell'evento





articoli correlati
"All'Ombra del Borgo"
sabato 3 agosto
Un successo la prima edizione organizzata dalla Pro Loco Zumellese e da Vino way
Un Vino Vip formato... Hollywood!
venerdì 26 luglio
La dodicesima edizione ha visto protagonista oltre al vino anche il cinema
LUGANA
martedì 23 luglio
Vitigno, terreno, tipologie e territorio: un'armonia senza tempo
IL VINO DI EFESTO
venerdì 19 luglio
Etna: dove la vigna abita la pelle del vulcano