Eventi
Dalla redazione
mercoledì 8 maggio 2019

Pinot noir, che classe!

Viaggio degustativo in Borgogna

Giulia Turchetti

Il primo evento dell'anno 2019 della delegazione rodigina, ospitato dall'Hotel Petrarca di Boara Pisani il tredici febbraio scorso, ha avuto come filo conduttore l'eleganza.

Con estrema competenza, maestria e simpatia, il relatore della serata, Marco Tinello, ha saputo trasmettere la sua passione per la Borgogna ai numerosi presenti.

Ha condotto la platea in un viaggio degustativo nella realtà vitivinicola di questa splendida terra suddivisa in infinite particelle che identificano il “chi fa cosa”, una terra entrata nel mito dell’enologia mondiale.

Marco Tinello, durante la degustazione, ha percorso la CÔTE D’OR facendo apprezzare le diverse sfumature che ogni zona dona ai suoi vini.

Eventi da non perdere
Pinot Noir che classe!
Pinot Noir che classe!
Il Pinot Noir di Borgogna nei vigneti 1er Cru della Côte d'Or
sfoglia la gallery dell'evento





I vini in degustazione sono stati:

-  Aloxe Corton 1er Cru – Les Chaillots, 2014, Louis Latour

Vino dal medio corpo, identificabile con il termine "piacevole leggerezza”. Dai sentori di sottobosco, note speziate, ferrose, dalla spiccata e gradevole acidità con un sottile tannino in chiusura.

- Vosne-Romanee 1er Cru – Aux Beaumonts 2013, Dimique Laurent

Vino identificato durante la serata come il vino che “nasce dal baratto” ovvero il baratto delle uve delle vigne più vecchie dei crù in cambio delle barrique considerate le migliori del mondo che questa azienda produce. Un vino abbastanza corposo, con sentori fruttati e persistenti maggiori, con qualità che lasciano intravedere una lunga vita.

- Chambolle – Musigny 1er Cru – Les Chatelots 2012, Louis Latour

Vino ottenuto dalla particella posta proprio sotto il centro del paese, il vino più femminile della cote!

Dal colore granato, con note speziate, sentore di liquirizia, con frutto vivace.

- Money Saint Denis 1er Cru – Les Faconnierres, 2014, Domaine Stephane Magnien

Vino sottile, scorrevole, di infinita persistenza e particolare complessità. Vino con sentori di cacao, caffè, spezie, dotato di struttura nonostante la giovinezza.

- Gevrey-Chambertin 1er Cru – Lavaux St.Jacques 2016, Domaine Tortochot

I vigneti della zona da cui nasce questo vino sono stati i primi, nel lontano 1837, a dare il nome ad un paese in Borgogna con il suffisso di un vigneto: da Gevrey en montagne passò, infatti, a Gevrey Chambertin. Vino identificabile con “equilibrio incredibile”, che spicca per le note fruttate, minerali di roccia, con una splendida freschezza.

Al termine del viaggio degustativo, vi è stato un momento conviviale e di condivisione che ha permesso di apprezzare ancor più i vini in assaggio, in abbinamento alle varie portate. 

Arrivederci al prossimo viaggio!

articoli correlati
Visita alla cantina Colli di Poianis
venerdì 15 novembre
La Delegazione di Venezia alla scoperta del territorio friulano
Pranzo di Natale AIS Veneto
giovedì 14 novembre
DOMENICA 15 DICEMBRE 2019 ORE 12.00 | VILLA SAN FERMO | LONIGO (VI
Manzoni, incroci di passioni
martedì 12 novembre
II° CONCORSO ENOLOGICO NAZIONALE DEDICATO AI VINI “INCROCI MANZONI”
Perle di Romagna
martedì 12 novembre
ALBANA, SANGIOVESE E GLI ALTRI AUTENTICI GIOIELLI ENOICI