Eventi
Dalla redazione
venerdì 19 luglio 2019

IL VINO DI EFESTO

Etna: dove la vigna abita la pelle del vulcano

Giulio Fanton

L’Etna è la fucina di Efesto, dio della metallurgia, ma è anche un ossimoro, coacervo di opposti formidabili: roccia mobile, caleidoscopio di minerali, canicola estiva e gelo invernale, umide brezze marine e sottili venti d’altura. Non è esagerato dire che sia un “essere vivente” che “respira”, continuamente alimentato dalle forze telluriche.
La viticoltura che si sviluppa sulle sue pendici è altrettanto straordinaria, forse unica al mondo, per le caratteristiche pedologiche e climatiche, per la forma di allevamento della vite ad alberello, per l’ambiente che favorisce l’agronomia biologica e biodinamica, per il numero ristretto di vitigni coltivati che consente di mettere in risalto le specificità di ogni parcella di terroir e il savoir faire degli uomini e delle donne che vi dedicano il loro lavoro.
Lo aveva intuito Mario Soldati nel suo primo viaggio su e giù per l’Italia alla ricerca dei vini genuini. Lo hanno capito i siciliani che abitano le spalle del vulcano e che hanno dato una svolta alla loro produzione di vino a partire dagli inizi del nuovo millennio assieme agli imprenditori giunti sull’isola negli anni successivi. Infatti, negli ultimi dieci anni, il numero di aziende vinicole etnee è passato dalla trentina del 2008 alle centoquaranta dei giorni nostri.

Di questa spettacolare realtà vinicola si è fatto ambasciatore Mauro Cutuli nella serata dedicata ai “vini del vulcano” dalla Delegazione di Verona di AIS Veneto nello scorso mese di giugno.
Mauro Cutuli è catanese di nascita, laureato in Economia e Commercio, a suo tempo operatore nei mercati internazionali di vini francesi e sommelier in diversi ristoranti fra i quali l’Osteria Francescana di Massimo Bottura ed ora produttore di vino e olio sul versante meridionale dell’Etna con l’azienda Grottafumata.
La sua presentazione ha spaziato fra la geologia, la storia, l’antropologia di un territorio in bilico fra conservazione e slancio ad inseguire l’interesse che i vini etnei destano nel pubblico internazionale, ma soprattutto ha guidato la degustazione di una ampia batteria di vini bianchi e rossi, mettendone in evidenza la territorialità, l’influenza delle diverse colate laviche, del versante idrografico, del microclima.

Quella che segue è una carrellata sommaria dei vini degustati, denominatore comune una straordinaria sapidità ed esuberanza delle note “minerali”.

sfoglia la gallery dell'evento





Cantine Russo: Mon Pit, Spumante Brut Metodo Classico VSQ 2015. Alcol: 12,5%.

Da uve carricante e catarratto. Affinamento sui lieviti per almeno 20 mesi.
Giallo paglierino con riflessi dorati. Brillante. Bollicina sottile. Profumo intenso e fine di fiori bianchi, leggero sentore di crosta di pane, frutta tropicale e macchia mediterranea. Attacco in bocca deciso e avvolgente. Sapido, fieno note burrose. Finale piacevolmente ammandorlato.

Cantine Russo: Rampante, Etna Bianco DOP 2018. Alcol: 12,5%.

Da uve carricante 70% e catarratto 30%. Matura 12 mesi in acciaio e affina 6 mesi in bottiglia.
Giallo paglierino con riflessi dorati, ha un profumo intenso e piacevole di ginestra, pompelmo e frutta tropicale, pietra bagnata. Fresco, sapido, di corpo medio e persistente.

Barone di Villagrande: Etna Bianco DOC Superiore 2017. Alcol: 12,5%.

Da uve carricante 90%, minnella-inzolia-grecanico 10%. Affina 10 mesi in acciaio.
Paglierino brillante. Fine ed inizialmente esile, sprigiona nel bicchiere profumi di fiori e frutta bianca: melone, litchi. Vibrante di freschezza, sapido, elegante e consistente, con sentori finali di nocciola.

Tenuta Masseria Setteporte: N’Ettaro, Etna Bianco DOC 2017. Alcol: 13,5%.

Da uve carricante 90% e catarratto 10%.
Giallo paglierino con leggere sfumature verdoline. Sentori di mela verde, note di pietra focaia, margherita, erbe aromatiche. Piacevolmente fresco, sapido, di ampia presenza al palato e gradevole persistenza aromatica.

Tenuta Masseria Setteporte: Nerello Mascalese, Etna Rosso DOC 2016. Alcol: 13,5%.

Da uve nerello mascalese 95% e nerello cappuccio 5%. Fermenta e affina 9 mesi in acciaio.
Rosso rubino con profumi fruttati spiccati e note silvestri. Il sorso è equilibrato, consistente e fine, sapido e sulfureo, i tannini sottili e morbidi. Di media lunghezza e con un finale di frutto maturo.

Azienda Agricola Grottafumata: Lato Sud Rosso, IGT Terre Siciliane 2017. Alcol: 13,5%.

Vitigni: nerello mascalese 95%, nerello cappuccio 5%. Vino da fermentazione spontanea di grappoli interi, senza aggiunta di lieviti, né controllo della temperatura, né chiarifiche.
Vino potente e succoso che propone all’olfatto espressioni di ciliegia, marasca e fragola. Riempie il palato di sostanza e di una trama alcolica importante e bene integrata che si prolunga piacevolmente.

Theresa Eccher: Alizée, Etna Bianco DOC 2016. Alcol: 12,5%.

Da uve carricante 70% e catarratto 30%. Fermenta in acciaio e affina in acciaio e bottiglia.
Giallo paglierino luminoso. Accarezza il naso con profumi di fiori di zagara, miele ed erbe di macchia mediterranea, finocchietto selvatico in particolare. Sontuoso e suadente il sorso, equilibrato e fine, lungo.

Theresa Eccher: Altero, Etna Rosso DOC 2013. Alcol: 13,5%.

Vitigni: nerello mascalese 98%, nerello cappuccio 2%. Vinifica in acciaio e affina in botte grande esausta di rovere francese per 40 mesi.
Vino di grande carattere dal colore rosso granato cristallino. Profumi intensi e complessi di peonia, rosa, piccoli frutti rossi, ciliegia, tabacco e una leggera nota balsamica. Elegante, equilibrato, fresco, sapido e persistente.

Cantina Calcagno: Feudo di Mezzo, Etna Rosso DOC 2016. Alcol: 14%.

Vitigni: nerello mascalese 90%, nerello cappuccio 10%. Fermenta in acciaio e affina in botti di rovere da 20 HL per 12 mesi e in bottiglia minimo 4 mesi.
Colore rosso rubino. Profumi ricchi ed eleganti di frutti rossi e neri, ciliegie e prugne, pepe bianco e un intenso sentore di roccia. Elegante ed armonico al palato, sapido e vellutato nei tannini.

Cantina Calcagno: Arcuria, Etna Rosso DOC 2016. Alcol: 14%.

Da uve nerello mascalese 90% e nerello cappuccio 10%.
Rosso rubino. Delicato ed elegante all’olfatto con sentori di ciliegie, lamponi e note di erbe selvatiche e spezie scure. Fresco, alcolico equilibrato e consistente al palato con struttura tannica pronunciata e buona persistenza gustativa.

Interessante la comparazione fra i due vini dei fratelli Calcagno che, a parità di vitigni, conduzione agronomica e di cantina, mostrano chiaramente l’impatto del terreno nel prodotto finale: più austero il Feudo di Mezzo e più amichevole l’Arcuria.

SRC Vini: Rosso Alberello,  Etna Rosso DOC 2016. Alcol: 13,5%.

Da uve nerello mascalese 100%. Fermentazione spontanea con macerazione per 3 settimane. Affinamento in vasche di cemento per 13 mesi e imbottigliamento durante la luna calante.
Rosso rubino profondo. Intenso all’olfatto con aromi di frutta rossa, sfumature speziate e una leggera nota di macchia mediterranea. Bocca potente, materica e densa, tannino robusto e gustosa rusticità.

I Vigneri: Vinudilice, IGT Sicilia Rosato 2017. Alcol: 13,5%.

Vitigni: alicante, grecanico, minnella. Le uve fermentano in tini di legno da 500 l, con lieviti spontanei, senza controllo della temperatura e senza filtrazioni. Affina in bottiglia.
Colore ramato. Sentori di lampone, melagrana e fiori di tiglio. Affusolato al palato, con tannini accennati e un gustoso ritorno dei frutti a bacca rossa.

articoli correlati
Conoscere i Colli Euganei: Abbazia di Praglia
lunedì 13 luglio
Tradizione e innovazione
San Leonardo: un grande bordolese in Vallagarina
mercoledì 26 febbraio
Una degustazione lunga vent'anni
Montalcino, viaggio al centro del terroir
lunedì 24 febbraio
Un solo comune, Montalcino, poco più di duemila ettari destinati alla DOCG ma mille diverse
Pantelleria, l’isola del Moscato
domenica 23 febbraio