Eventi
Dalla redazione
venerdì 18 ottobre 2019

Il Primitivo: Manduria vs Gioia del Colle

UN CONFRONTO TRA LE DUE ZONE PIÙ VOCATE ALLA PRODUZIONE DEL PRIMITIVO

Francesco Mancini

La delegazione AIS di Belluno prosegue il sodalizio con Davide Gangi e Vino Way, di cui è presidente ed editor.

 

Il secondo appuntamento di Bevi-Amo la Puglia è un’altra grande scoperta. Mercoledì 9 ottobre la serata è stato incentrata su un altro vitigno che della Puglia è un vanto: il Primitivo. Tutti pensano subito a Manduria, ma non c'è solo quest'area. C’è un’altra zona dell’entroterra pugliese, in provincia di Bari, in cui questo vitigno procura grandi soddisfazioni: Gioia del Colle. Due zone per un solo vitigno, una batteria di undici vini in degustazione di cantine che dalle nostre parti è difficile trovare.

L’istrionico Davide Gangi contestualizza con trasporto i territori di Gioia del Colle, situati sulle luminose e ventilate colline della Murgia e di Manduria, caratterizzata da terreni calcarei e argillosi, da estati calde e lunghe e inverni miti, ventilati dalle brezze marine. In entrambi i territori il Primitivo riesce a trovare i proprio habitat. Risultati diversi nelle sensazioni e nei profumi, ma ritroviamo in ogni calice una grande pulizia e finezza, oltre ad un'eleganza notevole, e quando li assaggiamo la struttura e il corpo di questi vini ci avvolgono il palato. Gangi non è solo: nella degustazione a duettare insieme con lui c’è il “nostro” Christian Maitan, miglior sommelier del Veneto 2018: un po’ come vedere Cristiano Ronaldo e Messi palleggiare insieme. Il sodalizio tra i due, cominciato per caso nell’evento di Borgo Val Belluna “All’ombra del Borgo”, è stato riproposto con successo anche nella serata del Primitivo. Maitan, nonostante la giovane età, sembra già un veterano e descrive ogni calice con grande cura. Saltano fuori anche aneddoti divertenti raccontati da Gangi, come quello dello Zinfandel, che compare tra i tanti Primitivo che degustiamo: leggenda vuole che Gregory Petrucci più di vent’anni fa, al ritorno da un viaggio in California, abbia nascosto le marze di Zinfandel (che altro non è che un clone americano, californiano per l'esattezza, del Primitivo) nelle borse da golf e si sia imbarcato su un aereo per portarle in Italia, a Maduria, con l'intento di produrre il suo vino californiano.

Il finale è dedicato alla solita ciliegina sulla torta che Gangi, a sorpresa, ci porta in degustazione: l’Es + sole di Gianfranco Fino, prodotto soltanto in annate particolarmente favorevoli. È un'esplosione di sensazioni, avvolge il palato e suscita negli ospiti il desiderio che serate così non abbiano mai fine. E mentre si spengono le luci, i soci appaiono visibilmente soddisfatti di aver fatto un'esperienza unica del Salento e delle Murge, mentre a me viene in mente il detto pugliese del mio amico ciclista e buongustaio Giuseppe di Bari, detto Bepi: anni fa, durante un’escursione in bicicletta parlavamo di vino e, passando vicino ad un vitigno adiacente ad una chiesa, mi disse con la spontaneità e la simpatia che caratterizza le persone del sud: Face chiù meracule 'na votte de vine ca' na chiese de Sante ("Fa più miracoli una botte di vino che una chiesa di Santi"). È proprio vero.

sfoglia la gallery dell'evento





VINI IN DEGUSTAZIONE

 

ALLEGORIA 2017 (Primitivo Gioia del Colle) – Azienda PietraVentosa

MARPIONE 2015 (Primitivo Gioia del Colle) – Tenuta Viglione

VIII DECUMANO 2010 (Primitivo Gioia del Colle) – Cantine Imperatore

MURO SANT’ANGELO 2015 (Primitivo Gioia del Colle) – Tenute Chiaromonte

 

DODECAPOLIS 2016 (Primitivo di Manduria) – Azienda Agricola Luca Attanasio

SINFAROSA ZINFANDEL 2016  (Primitivo di Manduria) – Agricola Felline

CHIODI DI GAROFANO 2015 (Primitivo di Manduria) – Antico Palmento

SESSANT'ANNI 2015 (Primitivo di Manduria) – Cantina di San Marzano

OLD WINES 2016 – Morella Vini

IL MADRIGALE 2016 (dolce naturale Primitivo di Manduria) – Produttori di Manduria

ES + SOLE 2017 – Gianfranco Fino

articoli correlati
San Leonardo: Un grande bordolese in Vallagarina
mercoledì 26 febbraio
Una degustazione lunga vent'anni
Montalcino, viaggio al centro del terroir
lunedì 24 febbraio
Un solo comune, Montalcino, poco più di duemila ettari destinati alla DOCG ma mille diverse
Pantelleria, l’isola del Moscato
domenica 23 febbraio
Il cioccolato incontra il vino
venerdì 21 febbraio
Audaci abbinamenti