Terza Pagina
Dalla redazione
martedì 2 giugno 2020

Vinetia Magazine

Le anticipazioni del nuovo numero 2020

Redazione


Del prossimo numero della nostra rivista semestrale vi abbiamo già anticipato un paio di cose: la prima è il cambio di nome da Sommelier Veneto a Vinetia Magazine, la seconda è che parlerà di orange wine.
Visto però che la rivista sta per arrivare nelle vostre case, ci sembra giusto darvi alcune anticipazioni su un numero che a noi è piaciuto molto realizzare e rileggere.

Il prossimo Vinetia Magazine apre con un articolo di Fabio Giavedoni, che ha analizzato per noi la storia e la diffusione degli orange in Italia e l’importanza della piccola frazione di Oslavia in un fenomeno che è diventato mondiale. Importanza riconosciuta anche da Simon J Woolf, autore del secondo articolo che invece ci aggiorna sulla situazione a livello mondiale. Simon è uno dei massimi esperti di questa tipologia di vini e autore del libro a essa dedicato Amber Revolution. La nostra Alessandra Piubello ci racconta invece di come i produttori di Oslavia stiano creando un vero e proprio indotto enoturistico intorno alla ribolla e al loro territorio di confine attraverso manifestazioni, percorsi e panchine disseminate sul territorio. 


I personaggi di questo numero sono invece due: un inevitabile Joško Gravner, intervistato da Luciano Ferraro, e Nevio Scala, raccontato dalla feconda penna di Morello Pecchioli nella sua conversione da calciatore-allenatore a viticoltore di successo. Per la consueta appendice gastronomica Carlo Passera ci porta alla scoperta di fermentazioni, invecchiamenti e macerazioni in cucina, sorprendendoci con tonni sott’olio di 25 anni e preparazioni d’altri tempi che stanno tornando attuali.


Il numero viene poi completato con le consuete rubriche sull’olio, i distillati, i migliori vini di Vinetia, le enonovità raccolte da Maria Grazia Melegari, le birre e i libri consigliati, oltre che da un racconto molto attuale, scritto dal collega trentino Roberto Anesi, sul fenomeno delle degustazioni on line, che tanto ci hanno aiutato a superare questo periodo di distanziamento sociale.

Buona lettura.

 

articoli correlati
Per Dante il cibo era un Inferno
lunedì 29 marzo
Secondo la testimonianza di Boccaccio, il Poeta mangiava poco, era parco e molto sobrio, rispettava
Dante Alighieri, un vino di 700 anni
giovedì 25 marzo
Tra Toscana e Veneto, l'esilio del sommo poeta e il nettare di Bacco
BACCO… CHI È COSTUI?
mercoledì 24 marzo
L’identità del vino racchiusa nella metafora della vita che sa farsi mito, tragedia e leggenda
Sommelier in pista: l'AIS ai Mondiali Cortina 2021
sabato 6 febbraio
La delegazione bellunese rinnoverà la collaborazione con il Consorzio del Prosecco DOC ai Mondiali