Wine Experience
Dalla redazione
martedì 16 maggio 2023

Château Haut-Marbuzet

Grand vin de Bordeaux

Daiana Vantini


I vini d’eccellenza di Bordeaux sono stati protagonisti a Istrana, grazie ad AIS Treviso, nella cornice particolarissima dell’aeroporto militare, sede del 51esimo Stormo. Una serata all’insegna della qualità, legata a doppio filo con la solidarietà, perché quanto raccolto sarà di sostegno alla Fondazione Airc per la Ricerca sul Cancro.
Quando si dice Bordeaux non servirebbe nemmeno aggiungere presentazioni, tanto è antica la sua fama nel mondo.


L’esperienza di Gianni Degli Innocenti ha accompagnato i partecipanti alla scoperta dei vini di Château Haut-Marbuzet che, nella zona dell’Haut-Médoc, produce vini di grandissima qualità nell’appellation St. Estèphe.

È stato un evento emozionante e che ha voluto, non a caso, ricalcare una serata organizzata da AIS Treviso nel 2021.
All’epoca fu lo stesso Hugues Duboscq, discendente diretto della famiglia fondatrice e Direttore generale dell’azienda, a raccontarne la storia, le annate e i risultati ottenuti.
Una testimonianza preziosa, che vi riproponiamo di seguito, così come la raccontò qui sul nostro sito Antonella Pianca.

“Una storia affascinante (quella di Château Haut-Marbuzet), che inizia nell’anno 1952 quando Hervé Duboscq acquistò una parte della tenuta che risaliva al XIII secolo. Il nonno di m. Hugues non proveniva da una tradizione famigliare di vignaioli; il suo desiderio era un vino dallo stile nuovo che garantisse al consumatore la migliore qualità. Un’azienda famigliare, una narrazione ricca ed esaustiva di zone e vitigni, che comprende la descrizione delle annate e dei risultati ottenuti.
Nel 2003 lo Château - situato a St. Estèphe, il più settentrionale dei quattro famosi comuni che costituiscono il cuore del Médoc - è stato classificato uno dei nove “Cru Bourgeois Exceptionnel”.
L’area del Médoc è formata da una grossa lingua di terra, prevalentemente pianeggiante, con altitudine variabile da qualche decina di metri a, raramente, oltre i cento che le acque dell’ampio estuario della Gironda separano dall’Aquitania. Per la coltivazione della vite la vicinanza all’Oceano Atlantico riveste un ruolo fondamentale in quanto concorre a mitigare gli eccessi delle estati più calde.
A Saint-Estèphe, grazie alla particolare composizione del suolo, i vini sono pieni e strutturati, con tannini ben definiti, Bordeaux Rossi tradizionalmente austeri, robusti, che possono invecchiare bene senza perdere vigore, ideali per creare perfetti abbinamenti con il cibo. L’affinamento in legno doma l’irruenza dei tannini.
Lo stile produttivo dello Château Haut –Marbuzet coniuga solidità e complessità, dando vita a vini seducenti, eleganti, dotati di un affascinante equilibrio. Nell’assemblaggio, la maggior presenza di uva merlot dona un gusto morbido e rotondo con tannini dolci”.

articoli correlati
Il Piemonte incontra le cantine padovane
giovedì 29 febbraio
Alla scoperta del Bagnoli Friularo e del Fior d'Arancio
Amarone Opera Prima 2024, la degustazione
venerdì 23 febbraio
Provenza oltre il rosè
giovedì 22 febbraio
Esperienze di Vitae 2024
venerdì 16 febbraio
La premiazione delle eccellenze vinicole venete